Con i ragazzi delle superiori a caccia di felicità

L’appuntamento della domenica sera è una piacevole costante della mia vita. I ragazzi delle superiori si ritrovano per un momento di raccoglimento, riflessione e divertimento.

Il mio compito, essendo passati tre anni dalla maturità, è di trasmettere a loro ciò che è stato trasmesso a me: la crescita individuale, ovvero il superamento delle proprie difficoltà e la valorizzazione dei talenti, è più entusiasmante se condivisa, ed è più fertile attraverso il messaggio cristiano.

Ci ritroviamo alle 19 per tre momenti: l’incontro, nel quale dialoghiamo su argomenti di attualità o ascoltiamo testimonianze, la cena e infine il gioco, dove ci si può distendere ed è un momento d’oro per stringere legami d’amicizia.

Ma non mancano le particolarità. Per esempio, un incontro sul Cammino di Santiago ha portato a ideare un’esperienza simile nella Bassa milanese, percorrendo in notturna una strada campestre in raccoglimento verso l’abbazia di Morimondo. O quando si gioca a bowling, o si programma una gita in montagna, al mare o alla scoperta di realtà culturali.

La preparazione dell’oratorio estivo è uno dei momenti più importanti. I ragazzi delle superiori diventano braccia, faccia, cuore di quel mese. È un’occasione importante per capire che sono diventati grandi, spendere i talenti e rendersi utili.

Un servizio che si estende a tutto l’anno, con l’aiuto nelle feste dell’oratorio, la festa di Carnevale, o il gruppo delle medie.

La corrente odierna è una navigazione apparentemente facile per i ragazzi del terzo millennio: tecnologie d’appagamento immediato, social network, accesso illimitato alla conoscenza. Ma le promesse digitali si scontrano con la realtà: l’appagamento immediato non porta alla felicità ma alla dipendenza, le relazioni dei social sono effimere, e non c’è conoscenza senza fatica e senza studio.

In quest’ottica il gruppo superiori è un’inversione di rotta, perché costruisce relazioni d’amicizia vere, di persona, con la fatica e l’impegno necessari, che portano con sé la
sana felicità.

Riccardo Barelli

#main-content .dfd-content-wrap {margin: 0px;} #main-content .dfd-content-wrap > article {padding: 0px;}@media only screen and (min-width: 1101px) {#layout.dfd-portfolio-loop > .row.full-width > .blog-section.no-sidebars,#layout.dfd-gallery-loop > .row.full-width > .blog-section.no-sidebars {padding: 0 0px;}#layout.dfd-portfolio-loop > .row.full-width > .blog-section.no-sidebars > #main-content > .dfd-content-wrap:first-child,#layout.dfd-gallery-loop > .row.full-width > .blog-section.no-sidebars > #main-content > .dfd-content-wrap:first-child {border-top: 0px solid transparent; border-bottom: 0px solid transparent;}#layout.dfd-portfolio-loop > .row.full-width #right-sidebar,#layout.dfd-gallery-loop > .row.full-width #right-sidebar {padding-top: 0px;padding-bottom: 0px;}#layout.dfd-portfolio-loop > .row.full-width > .blog-section.no-sidebars .sort-panel,#layout.dfd-gallery-loop > .row.full-width > .blog-section.no-sidebars .sort-panel {margin-left: -0px;margin-right: -0px;}}#layout .dfd-content-wrap.layout-side-image,#layout > .row.full-width .dfd-content-wrap.layout-side-image {margin-left: 0;margin-right: 0;}